Students texts (melting pot)

Wiki

La Martana -Report about air - raid shelter

Christian V e Bogdan

Il 4 Febbraio 2013 la nostra classe si è recata alla Martana, un rifugio anti-aereo, posto in pieno centro a Massa, che veniva utilizzato nella seconda guerra mondiale e che è stato reso visitabile da qualche anno. Dentro il rifugio, lungo quasi 400 metri, ai lati sono ancora visibili le panche di cemento sulle quali sedevano coloro che fuggivano dai bombardamenti aerei.

Gli abitanti di Massa venivano allertati da una sirena che suonava soprattutto di sera e ogni volta che gli aerei americani passavano sopra il cielo della città o, in alcune occasioni, la bombardavano.

All'ingresso del rifugio ora sono stati sistemate tre copie di manifesti originali dell'epoca che riportavano le regole di comportamento in caso di allarme e l'ordine di evacuazione della città stessa emanato dal comando tedesco nel 1944.

 Alessandro P e David 

Lunedì 4 febbraio io e la mia classe accompagnati dalle professoresse Tomasi e Bertozzi ci siamo recati a Massa per visitare il rifugio antiaereo de “La Martana”. La guida ci ha accolti all'entrata principale dove erano esposti delle stampe di manifesti del periodo della guerra.

La guida ci ha spiegato che i rifugi antiaerei, a Massa ce ne erano almeno tre, furono realizzati per difendere i cittadini dai bombardamenti che colpirono duramente la provincia di Massa Carrara durante la seconda guerra mondiale.

Dopo questa introduzione siamo penetrati nel cuore del rifugio, il più grande di Massa posto nel centro della città.

Il bunker è costituito da un ampia galleria scavata nella roccia della lunghezza di circa 400 metri e che poteva ospitare fino a cinquemila persone.

Questa esperienza ci ha fatto riflettere su quanto possa essere stata difficile e incerta la vita delle persone nel periodo bellico e quanto tutti quanti, uomini, donne e bambini rischiassero ogni giorno la propria vita e come rapidamente potessero perdere persone care e beni materiali.

Benedetta T.

Lunedì 4 febbraio, io e la mia classe siamo andati a visitare il rifugio antiaereo di Massa chiamato ''La Martana''. Ci ha accolti un signore che ci ha fatto da guida parlandoci in generale degli avventimenti della Seconda Guerra Mondiale per poi concentrarsi sulla spiegazione di quello che avveniva nella nostra zona in quel periodo.

Il rifugio era davvero grande, ci stavano quasi cinquemila persone. Era stato scavato nella roccia. All'interno infatti abbiamo patito un po' freddo e c'era molto umido: dal soffitto, mentre percorrevamo il tunnel, gocciolava; ai lati si trovano ancora oggi lunge panchine costruite in pietra per tutta la lunghezza della galleria.

La guida ci ha pure mostrato foto e articoli di giornale che trattavano appunto di quello che accadeva nella nostra zona nel pieno della Seconda Guerra Mondiale, per poi parlarci anche di alcune storie raccontate da persone che vissero quei momenti e che costituiscono delle preziose testimonianze dirette.

 

 

 

0 Attachments
31 Views
File archive
Folder Number of folders # of Documents Action
Showing 0 results.